5 consigli per installare una pavimentazione sportiva per il functional fitness, il CrossFit e le sale corsi in un centro fitness

Scegliere la giusta pavimentazione sportiva per il fitness, il CrossFit, le sale pesi e le sale corsi di una palestra è il primo passo per il successo di un centro fitness, sia privato che pubblico.

Oltre ai tradizionali centri fitness privati, in Italia si stanno diffondendo gli spazi pubblici dedicati al fitness, e i centri sportivi si dotano sempre più spesso di aree dedicate alla preparazione atletica e alla riabilitazione.

Nel caso dei Club sportivi professionistici, l’obiettivo è offrire una struttura che metta a disposizione degli atleti, oltre all’allenamento sul campo, anche zone dedicate alle attività di potenziamento muscolare e alla riabilitazione.

Per orientarsi tra le tante pavimentazioni disponibili, ecco una serie di suggerimenti per scegliere le migliori superfici sportive per il fitness, il CrossFit, le sale pesi e le sale corsi di una palestra.

1 - CONSIDERA IL PAVIMENTO COME VALORE AGGIUNTO

Il primo consiglio è quello di considerare le pavimentazioni sportive importanti quanto le attrezzature, alla luce delle diverse tipologie di attività e corsi che i centri fitness oggi possono offrire.
Spesso i pavimenti sportivi sono l’elemento più importante per differenziare un centro fitness da un altro, per renderlo attrattivo al pubblico e favorire la cosiddetta retention, ovvero la capacità della struttura di mantenere attivi i propri iscritti e fidelizzarli.

Non stiamo parlando solo di estetica, che ricopre senza dubbio la sua importanza, ma anche della necessità che una pavimentazione sportiva risponda al meglio alle esigenze delle attività che ospita.
È fondamentale permettere a tutti gli utilizzatori di effettuare nel massimo comfort e sicurezza i diversi movimenti che una particolare disciplina o corso richiedono.
Dalla soddisfazione di chi utilizza la pavimentazione dipende infatti buona parte del successo di una palestra e di un centro fitness.

Scegliendo pavimentazioni non sportive, non rispondenti ad adeguati standard e certificazioni o di scarsa qualità, oltre a mettere a rischio la sicurezza degli utenti, ci si espone al rischio concreto che la superficie si usuri precocemente a causa degli stress a cui è sottoposta.

Oggi sul mercato è possibile trovare pavimentazioni sportive di altissimo livello per durabilità, sicurezza, assorbimento degli urti e degli impatti.
Il maggior investimento iniziale viene ampiamente ripagato nel tempo proprio da queste qualità.
 

2 - SCEGLI IL PAVIMENTO ADATTO A OGNI DISCIPLINA

Le palestre, i centri fitness e i centri sportivi puntano sempre più spesso a combinare più discipline in un unico spazio.
Una delle soluzioni più funzionali è quella di dividere il centro fitness in più aree, installando in ognuna una pavimentazione specifica per la disciplina che dovrà ospitare: es. superficie più confortevole per gli esercizi a corpo libero, pavimentazione resistente a lacerazioni, impatti e carichi concentrati per le zone pesi e per le aree dove siano presenti attrezzature e macchine particolarmente pesanti, erba sintetica per esercizi di agilità o Power Sled, ecc.

Alcuni fornitori di pavimentazioni sportive propongono soluzioni modulari progettate per combinare in un'unica area più tipologie di pavimentazioni, suddivise per zone, per poter svolgere nella stessa area diverse discipline e corsi, sfruttando al massimo lo spazio.

In linea di massima, ecco quale pavimentazione sportiva scegliere a seconda del tipo di disciplina.
 

- CROSSFIT, SQUATTING, PESISTICA

Gli atleti di queste discipline hanno bisogno di grip, resistenza e stabilità per poter svolgere in sicurezza i propri esercizi. 

L’uso di carichi elevati o di macchinari dal peso considerevole richiede una pavimentazione resistente agli urti e ai tagli e in grado di garantire stabilità dimensionale, riduzione del rumore e una bassa improntabilità.

Sono quindi da evitare le superfici troppo delicate e improntabili, come quelle in PVC, visto che si tratta di aree che subiscono stress elevati. Sono preferibili le pavimentazioni sportive in gomma, che garantiscono buon grip, buona elasticità per i movimenti e hanno un’alta resistenza agli attrezzi più usati: kettlebell, bilancieri, manubri.
 

- AREA CARDIOFITNESS, ALLENAMENTO FUNZIONALE

Nell’allenamento cardio e funzionale, le pavimentazioni, proprio come il corpo degli atleti, sono sottoposte a tanti tipi di sollecitazioni diverse, a seconda del workout e dell’intensità con cui è praticato: per questo è bene scegliere superfici sportive, dotate di buon grip e che offrano livelli di assorbimento degli urti e deformazione verticale appropriati. 

Considerato il tipo di movimenti, la superficie raccomandata deve essere reattiva e non adattiva, per poter restituire l’energia che l’atleta scarica a terra e aiutarne le performance. Inoltre, è bene orientarsi verso pavimentazioni non porose, di facile pulizia, con finiture leggermente goffrate o martellate, antiscivolo, proprio come quelle prefabbricate in gomma.

- ATLETICA, ALLENAMENTO PER LE GAMBE, RIABILITAZIONE

Una corsia di una vera pista di atletica per sprint, salti e allunghi, è sempre un valore aggiunto per una palestra o un centro fitness.
Gli atleti in questo caso hanno bisogno di una pavimentazione con un ottimo assorbimento degli urti, in grado di supportare correttamente il piede e garantire il giusto confort.
La pavimentazione più idonea è un manto prefabbricato in gomma, sul quale sarà possibile effettuare anche la ginnastica riabilitativa o il potenziamento delle gambe.
Si tratta di pavimentazioni fornite in rotoli di varia metratura che permettono di comporre la lunghezza e larghezza della pista di atletica in funzione dello spazio disponibile.

- SALA CORSI, DANZA, YOGA

Una delle soluzioni più amate a livello estetico e anche più diffuse per le sale corsi è il parquet in legno. Il parquet viene percepito come elemento di prestigio, ma deve anche poter garantire il giusto confort e la giusta performance per permettere lo svolgimento delle diverse attività in completa sicurezza: è quindi consigliata una pavimentazione sportiva in legno resistente, che garantisca un’adeguata risposta elastica, abbinata a una scivolosità controllata (pavimentazione area-elastic). 

Il legno è anche la scelta più diffusa per le aree dedicate quasi esclusivamente alla danza. Le aree dedicate alla pratica dello yoga e agli esercizi a corpo libero sono invece spesso realizzate con pavimenti per palestre resilienti, point-elastic, composti cioè da superfici sintetiche antiscivolo (in gomma o PVC), abbinate a uno strato inferiore ammortizzante, che assicura il corretto ritorno di energia, l’assorbimento degli urti e la deformazione verticale della pavimentazione.

Anche nel caso di superfici sintetiche, una finitura con effetto legno permetterà di ottenere un risultato eccellente a livello estetico e prestazionale.

3 - EVITA I CLASSICI PIASTRONI IN GRANULI DI GOMMA RICICLATI

Tra le soluzioni più diffuse in questo settore, soprattutto per le aree soggette a maggiore stress, ci sono piastre di varie dimensioni, spesso ad incastro, realizzate con granuli di gomma nera riciclata.
Una scelta spesso dettata dal costo inferiore di queste piastre e dall’idea che il loro aspetto robusto sia garanzia di resistenza e durata
Al contrario, proprio per la loro composizione non sono adatte a un uso intensivo e non sono la soluzione più igienica per un centro fitness in ambienti chiusi.

La gomma SBR riciclata in granuli, quasi sempre di colore nero e di dubbia provenienza, ha spesso suscitato dubbi circa i suoi potenziale rischi per la salute degli utilizzatori che vengono direttamente in contatto con la superficie, sia per i metalli pesanti contenuti in questo tipo di materiale, sia per via dei composti organici volatili (VOC) che scaturiscono dalla pavimentazione.
La porosità di queste pavimentazioni, inoltre, impedisce un adeguato sistema di igienizzazione e pulizia a discapito della salubrità sia in superficie che sulla base di appoggio, con rischio anche di odori sgradevoli.
Consigliamo quindi caldamente di orientarsi verso soluzioni certificate e garantite che rispettino tutte le normative in vigore per quanto concerne la sicurezza e l’impatto ambientale.

La scelta migliore è perciò rappresentata da pavimentazioni prefabbricate in gomma ad alta densità, con superficie non porosa e antiscivolo, in grado di garantire i migliori risultati in termini di performance, durata e sicurezza.
Si tratta di superfici impermeabili, uniformi e compatte, composte da materie prime selezionate.

Queste soluzioni, disponibili sia in rotoli che in piastre e piastre ad incastro, abbinano strati in gomma calandrati e vulcanizzati insieme per ottenere un materiale unico: lo strato di finitura superficiale garantisce il giusto comportamento della superficie in funzione dello sport - grip, resistenza agli urti, ecc. – e facilita in maniera significativa la pulizia e la manutenzione del prodotto, mentre la parte sottostante funge da supporto, fornendo elasticità e resistenza.

Indipendentemente dal materiale, una pavimentazione sportiva per centri fitness deve essere correlata di DoP (Declaration of Performance), il documento che accompagna la marcatura CE e riporta le caratteristiche del materiale in relazione agli standard Europei vigenti.
Inoltre è fondamentale verificare la rispondenza della pavimentazione ai diversi regolamenti e normative, come la classificazione in base alla EN 130501 che certifica il comportamento al fuoco dei materiali da costruzione, e la conformità delle materie prime utilizzate al regolamento REACH (Registration, Evaluation, Authorization and Restriction of Chemicals - connesso alla provenienza e tracciabilità delle sostanze chimiche contenute in tutti i prodotti circolanti in Europa), fino alle eventuali certificazioni di eco-compatibilità e programmi di Qualità dell’Aria Interna (emissioni di Composti Organici Volatili) come il GREENGUARD Gold, che certifica i materiali con livelli di emissioni VOC minimi.

4 - NON SOTTOVALUTARE UMIDITÀ E PULIZIA

Palestre e centri fitness sono luoghi con alti livelli di umidità. Per questo sono assolutamente da evitare superfici porose o in granuli.

L’accumulo di umidità e sporco all’interno della pavimentazione e tra gli interstizi porta a una rapida usura della superficie e alla perdita della risposta biomeccanica. Per non parlare degli effetti sulla salute degli utilizzatori e del cattivo odore generato.

I pavimenti in gomma ad alta densità sono anche in questo caso la migliore scelta. Sono impermeabili e facili da pulire, risultano quindi più igienici e hanno una maggior durata. Ovviamente è necessario sottoporre le pavimentazioni a regolare manutenzione ordinaria, utilizzando detergenti neutri e non aggressivi.

5 - RENDI VIVA LA PAVIMENTAZIONE

Negli ultimi anni si è diffuso l’allenamento funzionale, che si basa su una combinazione di esercizi diversi pensati per migliorare postura, equilibrio e agilità.

È un tipo di allenamento molto apprezzato proprio perché è molto vario e in poco tempo permette di lavorare su tutte le fasce muscolari.
Puntare sull’allenamento funzionale è considerato anche un buon investimento dai centri fitness, perché in uno spazio ridotto possono unire più attività.

Per questo tipo di allenamento la pavimentazione è la protagonista, considerato anche l’uso limitato di attrezzi (palla medica e manubri).
Sul mercato esistono soluzioni dedicate proprio al functional fitness che prevedono moduli personalizzati dedicati ai diversi esercizi, combinabili tra loro.
La pavimentazione assume così il ruolo dell’attrezzatura e diventa protagonista dell’allenamento, perché grazie alle sue caratteristiche ogni area offre il giusto comfort e la giusta risposta biomeccanica per le diverse attività che vi vengono svolte.

Grazie alle nuove soluzioni sul mercato, la personalizzazione della superficie può essere realizzata anche posizionando a piacere sulla pavimentazione in gomma, trattata con cariche magnetiche, speciali kit di magneti amovibili, che permettono di creare percorsi e di cambiare ogni volta lo spazio di allenamento.

Una soluzione estremamente funzionale ma anche molto piacevole esteticamente.

 

Vuoi saperne di più? Scarica il caso studio sulla riqualificazione del centro fitness universitario Active Living Centre!
 

Come riqualificare una struttura sportiva

MONDO ti propone la soluzione migliore per strutture sportive indoor, impianti di atletica e sport outdoor, campi sportivi in erba sintetica.

CONTATTACI PER UNA CONSULENZA TECNICA