Stadio San Paolo: il restyling parte dalle sedute e dalla pista di atletica

Lo stadio San Paolo di Napoli è un esempio di architettura sportiva dai tratti unici e un incredibile polo attrattivo polifunzionale che la città ha saputo preservare negli anni, grazie a una serie di opere manutentive e di ammodernamento. In questo articolo parleremo degli interventi di rinnovamento eseguiti al San Paolo, in particolare dell’ultimo restyling avvenuto nel 2019, in occasione della XXX Universiade.

Perché fu costruito lo stadio San Paolo di Napoli

Nel 1942 un bombardamento aveva distrutto lo "Stadio Partenopeo" (un tempo denominato "Stadio Giorgio Ascarelli"), uno degli stadi più capienti di Napoli, per questo si iniziò a pensare alla costruzione di un nuovo impianto sportivo, in grado di ospitare un elevato numero di tifosi. Per la realizzazione di questo nuovo impianto, nel 1948 fu indetto un concorso nazionale vinto dal progetto dell’architetto Carlo Cocchia. I lavori di costruzione iniziarono nel 1952, nell’area del quartiere di Napoli Fuorigrotta, scelto per la crescente urbanizzazione che lo aveva interessato in quegli anni. Lo stadio completato fu consegnato il 2 dicembre 1959 e inaugurato appena 4 giorni dopo, con la partita di campionato Napoli-Juventus del 6 Dicembre 1959. Inizialmente fu chiamato Stadio del Sole e solo nel 1963 assunse la denominazione attuale San Paolo, in onore di Paolo di Tarso che, secondo la tradizione, raggiunse l’Italia attraccando proprio a Fuorigrotta.

Gli interventi manutentivi dello stadio San Paolo

Nel corso della sua storia, lo stadio San Paolo è stato sottoposto a numerosi interventi manutentivi. 
Un primo consistente intervento di manutenzione fu eseguito nel corso degli anni ‘80. All’iniziale ammodernamento dell’impianto eseguito all’inizio del decennio, seguì una più profonda ristrutturazione che iniziò nel 1988 e si concluse nel 1990. Questi ultimi interventi, che riguardarono tra gli altri l’installazione di sedute in tutti i settori dello stadio, l’ammodernamento della pista di atletica e l’adeguamento della struttura secondo norma di sicurezza FIFA, furono eseguiti in previsione del campionato mondiale di Calcio del 1990 (Italia ‘90).
Lo stadio fu soggetto a ulteriori interventi di ammodernamento e riqualificazione, che portarono alla costruzione della copertura e di una nuova tribuna di 330 posti. 

Il restyling del San Paolo di Napoli per la XXX Universiade 2019

Lo stadio di Napoli è uno dei principali impianti sportivi della città, famoso non solo per essere centro dell’Associazione Calcio Napoli, ma anche polo di eccellenza per la pratica dell’atletica. Nell’impianto, oltre alla pista di atletica leggera a 8 corsie, si trovano inoltre tre palestre polifunzionali, una palestra di pugilato e una di fitness, una palestra per la lotta libera e le arti marziali orientali.

I più recenti lavori di restyling del San Paolo sono iniziati nel 2018 e hanno avuto come obiettivo l’adeguamento estetico e funzionale della struttura, in vista dei giochi della XXX Universiade estiva del 2019, ospitati proprio dalla città di Napoli.
L’ammodernamento dell’impianto ha coinvolto, in particolare, due elementi chiave dell’intera struttura: la pista di atletica e le sedute. 
 

La nuova pista di atletica del San Paolo

La pista di atletica è stata protagonista di un completo rifacimento, che ha coinvolto sia l’anello di pista che la pedana per i salti. La precedente pavimentazione in gomma vulcanizzata MONDO Sportflex Super X installata nel 1989, nel tempo sottoposta solo a piccoli interventi manutentivi, è stata completamente asportata; si è proceduto quindi con il rifacimento del sottofondo bituminoso e infine con la posa del nuovo manto prefabbricato: Mondotrack WS.
La pista prefabbricata in gomma vulcanizzata Mondotrack WS, certificata IAAF Class 1, unisce uno strato superiore in grado di garantire la massima uniformità di risposta elastica, a uno strato inferiore con struttura a celle d’aria con forma di esagoni allungati, che fornisce una perfetta combinazione di ammortizzazione, immagazzinamento e ritorno di energia. I vantaggi non sono solo in termini di funzionalità, ma anche di resa estetica: il manto della pista, in totale circa 10.000 mq, si presenta di un luminoso e uniforme azzurro cielo, che regala un incredibile effetto scenico.

Le nuove sedute allo stadio San Paolo di Napoli

La sostituzione delle sedute è stata preceduta dall’intervento di ripristino e trattamento impermeabilizzante dei gradoni prefabbricati in cemento armato precompresso su cui poggiano le sedute delle tribune e delle distinte.
Le vecchie sedute di colore rosso sbiadito, installate da oltre 30 anni, sono state sostituite con 55.000 nuovi sedili. Il colore azzurro domina in quasi tutti i settori con un originale effetto pixel, creato installando in maniera alternata sedute di colore azzurro, blu, bianco, giallo e grigio.
Le sedute sono state installate secondo una posizione diversa rispetto alle precedenti, per permettere agli spettatori di mantenere una migliore postura. Le sedute MONDO monoblocco con schienale alto installate sono Mondoseat Novanta/3.40, Mondoseat Novanta/35, cui si aggiunge la seduta ribaltabile G2007.

Questi modelli sono stati progettati ergonomicamente, per garantire il massimo confort d’uso, soprattutto nella posizione “seduto in movimento”, tipica di chi assiste alle manifestazioni sportive. In particolare, Mondoseat Novanta/3.40 è realizzata in materiale termoplastico stampato ad iniezione in un unico blocco privo di inserti metallici; Mondoseat Novanta/35 è invece realizzata in materiale termoplastico stampato ad iniezione con gas per la formazione di tubolari cavi strutturali, lo stesso procedimento di stampaggio delle sedute G2007.
Le nuove sedute garantiscono allo spettatore una posizione comoda, sono conformi a quanto raccomandato da FIFA e UEFA e sono progettate nel rispetto dei criteri di ergonomia e sicurezza stabilite dalla norma europea UNI EN 13200-4:2007 per le sedute fisse utilizzate nei luoghi di intrattenimento per lo sport [...]. 
Per l’area VIP e VVIP, inoltre, MONDO ha fornito due nuovi modelli di poltrona tip-up, di colore azzurro, modellati per essere installati nello stadio, mantenendo comunque un alto livello di confort tipico del loro standard.

Il risultato finale

L’esecuzione dei lavori di sostituzione delle sedute e di rifacimento della pista di atletica si è svolta secondo un cronoprogramma preciso, che ha permesso di procedere con i lavori anche durante il campionato di calcio, coordinandosi con il calendario gare del Napoli Calcio. Alcuni interventi hanno richiesto la presenza contemporanea di oltre 100 operai, suddivisi in tre distinti turni operativi. I lavori si sono conclusi secondo programma e hanno reso la struttura un palcoscenico unico non solo durante le gare, ma già dalla cerimonia di apertura della XXX Universiade, avvenuta il 3 luglio 2019.
La resa estetica a lavori ultimati è incredibile: l’azzurro intenso della pista, unito ai toni di grigio scelti per gli inserti di raccordo della pista con il campo centrale, creano un’armonia cromatica con l’azzurro delle sedute. Uno straordinario colpo d’occhio, che si ispira all’azzurro del cielo e offre omaggio ai colori del Napoli Calcio.

Vuoi scoprire maggiori dettagli sui prodotti MONDO e sulle soluzioni per stadi e impianti sportivi? 
Contattaci per una consulenza tecnica dedicata.
 

Realizzare un impianto sportivo outdoor

MONDO ti propone la soluzione migliore per strutture sportive indoor, impianti di atletica e sport outdoor, campi sportivi in erba sintetica.

CONTATTACI PER UNA CONSULENZA TECNICA